IL BAMBU’ IN ITALIA: REPORT ANNUALE 2017 

Ciao,

dopo quasi due anni di operatività su questo nuovo mercato in via di sviluppo, ti condivido un rapido resoconto sugli step raggiunti nel 2017.


CULTURA: 

Ormai sono molte persone che hanno cominciato a sentir parlare del nostro progetto di sviluppo del bambù gigante in Italia destinato sia ad uso alimentare che come materiale destinato a sostituire in molti casi plastica, metalli e cemento.

Due anni fa, quando parlavo di coltivazioni di bambù, in parecchi sorridevano e mi guardavano come fossi un alieno adesso invece quasi tutti cominciano a considerare questa come una delle possibili alternative agli investimenti tradizionali.

 

bambù

COLTIVAZIONI: 

Vivai Onlymoso, attualmente la prima azienda europea del settore, ha raggiunto nel 2017 quasi i 2.000 ettari messi a terra dei 30.000 previsti per il soddisfacimento minimo della domanda attesa.

I primi coltivatori di bambù, quelli che hanno cominciato nel 2014, hanno incassato i primi denari dal Consorzio Bambù Italia,  che la scorsa primavera ha ritirato i germogli a 3 euro al kg. 
Diverse persone che hanno terreni poco produttivi stanno mettendoli a disposizione per creare un impianto,  in diversi tra coloro che non si sono mai occupati di agricoltura, si stanno rendendo disponibili ad investire in quote di società agricole che produrranno coltivazioni destinate ai crescenti mercati dei materiali ecosostenibili e dell’alimentazione proteica vegetariana.

In sostanza possiamo dire che diverse persone in Italia,  in particolare modo i giovani, amano l’idea di ripartire dalla propria terra con qualcosa di nuovo.

PRODOTTI: 

Si cominciano a vedere oggetti in bambù di ogni tipo e ad apprezzarne le caratteristiche, si vendono da alcuni mesi, sul sito del Consorzio Bambù Italia i primi vasetti di germoglio italiano biologico che in termini di qualità non è ovviamente paragonabile al food importato dalla Cina sul quale non vi è alcun controllo.
Continuiamo a lavorare per portare ricchezza alla nostra terra e ai nostri agricoltori, continuiamo a costruire un mondo con meno inquinamento creato dalle lavorazioni della plastica, dei metalli, dei materiali da costruzione tradizionali, dai processi necessari all’enorme produzione industriale di carne.

COME FARNE PARTE?

Vuoi comprendere  come partecipare ad una coltivazione o crearne una autonomamente, ti rendo disponibile di seguito un video di 30 minuti ove ti illustro lo scenario di base del nostro progetto: dalle caratteristiche agronomiche alla filiera, dal numeri alle modalità di partecipazione.
Buon 2018 e buon bambù a tutti! 🌈 

Davide Vitali 

Richiedi il video: il quadro generale

Richiedi un contatto telefonico

3 pensieri riguardo “IL BAMBU’ IN ITALIA: REPORT ANNUALE 2017 

  1. Ho iniziato qualche anno addietro, la coltivazione del bambù lungo le sponde in pendio di un torrente di mia proprietà, ello scopo di contenere l’effetto franoso. Inoltre la pianta (paradossalmente è un’erba) mi ha sempre affascinato per la sua bellezza -sempre verde- e per i suoi infiniti usi. Sono cosi finito ad essere un appassionato della sua coltivazione.

Lascia un commento